Descriviamo il vino

“Secco”

Secco è un termine ampiamente usato, ma attorno al quale esistono una molteplicità di esperienze diverse. Nella prima accezione che viene in mente, spesso negativa, viene inteso come assenza d'acqua o di umidità. Ancora, secco può voler dire anche sbrigativo, brusco, vecchio, eccetera... ma non è questo il nostro caso.

Quando diciamo che un vino è secco, intendiamo dire che è senza zucchero residuo. In parole più povere, quando lo degustiamo non rileviamo alcuna sensazione di dolcezza (principalmente con la parte anteriore della lingua) in quanto tutto lo zucchero si è trasformato in alcol durante la fermentazione.

Allora perché non definirlo con il contrario di dolce, cioè amaro? Semplicemente perché amaro non è. Stacchiamoci dall'idea - da caffeomane - che una bevanda non dolce sia necessariamente amara. L'amaro è un'altra sensazione, per la verità poco apprezzata nel mondo del vino, ma che talvolta potrà regalarci piacevoli momenti proprio assieme alla dolcezza, ad esempio degustando un vino passito.

Happy wine!